Round Table meeting on the role of sport in the strugle against racism

Printer-friendly versionSend by emailPDF version
20 Oct 2009

South Africa: 2010 World Championship: The role of sport in the struggle against racism

Dr Maurizio Fallace,
Director-General of Libraries, Cultural Institutes and copyrights

Dr Liliana Di Ruscio,
National Federation of Teachers of Rome and Lazio Region

Dr Raffaella Chiodo,
Vice President of the Benny Nato Centre

Dr Nicola Zingaretti*
President of the Province of Rome

Dr Filippo Fossati
President UISP

Dr Vincenzo Curatola
President of Benny Nato Centre

Ms Thenjiwe Mtintso
South Africa’s ambassador to Italy

Mr Pietro Veronese
Moderatore

Ladies and gentlemen

Allow me, Chairperson, to make just one comment before I start. The world has come full circle. Football has finally come home to Africa. The British might have given us the football but let us not forget that South Africa and Africa is the cradle of humankind, the very beginning of humankind all his achievements. It therefore gives us, South Africans, and Africans everywhere, including the Diaspora a great sense of pride and achievement to be hosting the 2010 FIFA World Cup

Allow me first of all to thank you for the invitation to come and contribute to this important debate about the role of sport and the fight against racism. It would be an oversight on my side if I fail to acknowledge and recognize the immense contribution and sacrifices you made for a free and just South Africa. This conference, today, will not have happened without you.

Ladies and Gentlemen, we, in South Africa, have lived through a difficult period of race based policies, a constitutional state that managed and decided everything with race coloured glasses. Race became a standard unit of measurement in both pubic and private life. Young children were also denied the opportunity to play together and sports development in South Africa took on a racial line. Cricket and Rugby were designated “ white sport”, whereas football was designated as “black sport” and this included the manner in which resources were allocated to the various sporting codes.

The African National Congress and other progressive forces called for a sport boycott against South Africa. We launched a successful campaign called “ No normal sport and in an abnormal country”. This campaign was aimed at using sport to highlight the injustices of apartheid and race policies in South Africa. The boycott was well supported by the international community, including yourselves, hence this event today.

Ladies and Gentlemen, the dawn of democracy in South Africa brought the lifting of sanctions, including the end of the sport boycott. Nevertheless, the end of the sport boycott meant that people who were privileged in the old dispensation where the ones who quickly began to enjoy the fruit of liberation. The new dispensation also brought to the fore the challenges facing fragmented sporting codes along racial lines.

The challenge was how to integrate the various sporting codes into a single representative body. South African leaders in the world of sports met and developed mechanisms that saw the devaluation of the previously fragmented sporting codes into a united South Africa. This gave birth to the new single South African Rugby Union, to a single Cricket Board , to a single Association managing soccer and so forth.

The unanimous support that our country received from countries like Italy helped us to successfully host international sporting tournaments like the 1995 Rugby Cup, which brought the newly non-racial South Africa together for the first time, with Nelson Mandela rallying behind the Springbok, hence the world got to know about the phrase “ Madiba Magic”. During this significant rugby world cup, rugby was used to promote reconciliation and nation building. Even the President adorned the Number Six shirt that belonged to the captain to drum up support for the rugby. The success of the rugby team galvanized South Africans to support the changes that were taking place in the country. Soon we hosted the Cricket World Cup, the African Cup of Nations, the All African Games and now, the biggest of them all, the 2010 FIFA World Championship.

The amalgamation of sport in South Africa did not happen without any challenges. Because of the racial nature of sport in South Africa, we decided to ensure speedy transformation. This transformation included, at some point, a proposal on quota system whereby a certain number of black people will be included in the national teams. The creation of opportunities and talent searching and training in the previously disadvantaged communities.

The other challenge was the use of sport symbols. During apartheid, various teams used various symbols. The symbols that we used such as the Springbok and others were rejected in the black community as they were associated with the apartheid regime. Even the national colours of the national teams were different. Nevertheless, it was agreed that the rugby national team will use the Springbok together with the Protea flower, as part of the continuous reconciliation and nation building. Even today, the rugby national team uses both the Springbok and Protea flower. All other sporting codes use the Protea as a unifying symbol. The Protea is our national flower.

Ladies and Gentlemen, we in South Africa can unreservedly attest to the power of sport in uniting a racially fragmented nation. We are very proud that the global showpiece will be held in South Africa. The hosting of the world cup is in itself an achievement and a victory against bigotry and racism and all other isms that afflict the international community and mankind.

Ladies and Gentlemen, Our Constitution is very clear that non-racism and non-sexism underpins our Democracy. However, racism may occur at different levels, very covert, where it is difficult to prove that it is present as our minds have been corrupted by the disease of racism in many instances.

My Department of Arts and Culture will be hosting a conference on Social Cohesion early in 2010. The conference will look at how one can harness arts, culture and common heritage as South Africans to promote nation building.

The Conference will look at how we can use football, in particular the 2010 FIFA World Cup and sport in general, to uproot racism and build a legacy of racial harmony and tolerance.

Sport is also one area where home ground advantage based on race, ethnicity and prejudices is really non-existent as Italy has demonstrated by winning the World Championship in Germany in 2006. Indeed, Brazil has won all their five world championships outside Brazil.

The FIFA President Sepp Blatter affirmed that the world football governing body would not tolerate any racial discrimination in the game of football, particularly during the 2010 FIFA World Cup to be held in South Africa. Harsh measures would be taken against teams if there were any evidence of racism.

FIFPRO, an international soccer players’ federal union, is currently running a “ Show Racism a Red Card” campaign across the globe which aims to eradicate racism in the game of football and in societies in general.

With justice and fair play throughout the selection, training and playing processes sports teams can achieve a lot. Team sport is a wonderful tool to combat racism both for the players and the audiences. With teams training and playing together over long periods, a bonding process occurs bringing people closer together. It also allows for the team to learn to know each other intimately.

Team sport and sport in general can become a transformation tool to combat racism if practiced earnestly as sport is loved by most people if not all.

Let me congratulate Italy for qualifying to defend their trophy in South Africa. A wise Italian has decided long time ago that a good defence makes a good team as shown by the Italian defender and current team captain Fabio Carnavarlo who won the best player award at the last world championship in Germany in 2006. We request that you assist us to build the defence of our national team, Bafana Bafana.

On behalf of the President of South Africa, Mr Jacob Zuma and the people of South Africa, I invite all of you to South Africa for the 2010 FIFA World Cup. Ke Nako, It is time. Let the party begin.

Thank you.

Office translation from English into Italian:

Quote:

Sudafrica: Mondiali di Calcio 2010: Il ruolo dello sport nella lotta contro il razzismo

Dott. Maurizio Fallace,
Direttore-Generale: Biblioteche, Istituti Culturali e diritti di autore

Dott.ssa Liliana Di Ruscio,
Federazione Nazionale Insegnanti di Roma e Lazio

Dott.ssa Raffaella Chiodo,
Vice-Presidente del Centro Benny Nato

Dott. Nicola Zingaretti
Presidente della Provincia di Roma

Dott. Filippo Fossati
President dell’UISP

Dott. Vincenzo Curatola
Presidente del Centro Benny Nato

Sig.ra Thenjiwe Mtintso
Ambasciatore del Sudafrica in Italia

Sig. Pietro Veronese
Moderatore

Signore e Signori,

Mi consenta, Presidente, di fare solo un commento prima di cominciare. Il cerchio si è chiuso. Il calcio è finalmente tornato a casa in Africa. Gli Inglesi potranno averci regalato il calcio, ma non dimentichiamo che l’Africa con il Sudafrica è la culla dell’umanità, proprio dove ha avuto inizio il genere umano con tutte le sue conquiste. Il fatto che ospiteremo la Coppa del Mondo della FIFA nel 2010 ci fa provare, come Sudafricani e Africani di ogni provenienza, compresa la Diaspora, un grande sentimento di orgoglio e gratificazione

Permettetemi innanzitutto di ringraziarvi per l’invito a partecipare e contribuire a questo importante dibattito sul ruolo dello sport nella lotta contro il razzismo. Sarebbe una trascuratezza da parte mia se mancassi di riconoscere e dare atto del vostro enorme contributo e dei grandi sacrifici compiuti per un libero e giusto Sudafrica. Questa conferenza, oggi, non si sarebbe svolta senza di voi.

Signore e Signori, noi in Sudafrica abbiamo vissuto un periodo difficile a causa di politiche basate sulla razza, uno stato costituzionale che gestiva e decideva tutto in base al colore della pelle. La razza era divenuta la normale unitá di misura sia nella vita pubblica, che in quella privata. Ai bambini veniva anche negato di giocare insieme e lo sport in Sudafrica ebbe a svilupparsi su linee razziali. Cricket e rugby erano stati classificati come “sport per bianchi”, mentre il calcio era classificato come “sport per neri” e questa distinzione aveva rilevanza per il modo in cui le risorse venivano assegnate alle varie discipline sportive.

Naturalmente fu all’incirca questo il periodo in cui l’ANC e le altre forze progressiste cominciarono ad invocare un boicottaggio sportivo contro il Sudafrica. Lanciammo una riuscita campagna all’insegna dello slogan “No normal sport in an abnormal country” (Nessuno sport normale in un paese anormale). Scopo della campagna era di utilizzare lo sport per mettere in risalto le ingiustizie dell’apartheid e delle politiche razziali in Sudafrica. Il boicottaggio venne fortemente appoggiato dalla comunitá internazionale, voi compresi, sino ad arrivare all’evento di questa mattina.

Signore e Signori, l’alba della democrazia in Sudafrica ha portato alla revoca delle sanzioni, comprese quelle relative al mondo dello sport. Tuttavia, la fine del boicottaggio

sportivo fece sí che coloro che erano dei privilegiati sotto il vecchio ordinamento, furono i primi a godere rapidamente dei benefici della liberazione. Il nuovo sistema portò con sé le sfide relative a delle discipline sportive che erano divise su base razziale.

La sfida consisteva nello sforzo di integrare le varie discipline sportive in un unico ente rappresentativo. I leader sudafricani nel mondo dello sport si incontrarono e misero a punto meccanismi finalizzati all’incorporazione di discipline sportive precedentemente divise in un Sudafrica unito. Questo diede alla luce un’unica Federazione Rugbistica sudafricana (SA Rugby Union), e portò ad un unico Ente per il Cricket e lo stesso accadde per il calcio e così via.

Il sostegno unanime che il nostro Paese ricevette da Paesi come l’Italia ci aiutò ad ospitare con successo tornei sportivi internazionali come la Coppa del Mondo di Rugby del 1995, che contribuì per la prima volta a rinsaldare la coesione del nuovo Sudafrica non razziale, con Nelson Mandela intento a festeggiare con gli Springbok, donde il mondo prese a familiarizzarsi con la frase “Madiba magic”. Durante questa importante manifestazione mondiale di rugby, questo sport fu usato per promuovere la riconciliazione e la costruzione della nazione. Perfino il Presidente indossò la maglia numero sei che apparteneva al capitano per mobilitare tutta la tifoseria del rugby. Il successo della squadra di rugby indusse i sudafricani a sostenere i cambiamenti che stavano avvenendo nel Paese. Presto noi ospitammo la Coppa del Mondo di Cricket, la Coppa d’Africa delle Nazioni, i Giochi Panafricani, e ora, il più importante di tutti il Campionato Mondiale 2010 della FIFA.

L’amalgama del mondo sportivo in Sudafrica non avvenne senza difficoltà. A motivo della natura razziale delo sport in Sudafrica, decidemmo di procedure con una rapida trasformazione. Questa trasformazione, ad un certo punto, includeva la proposta di un sistema di quote mediante cui un certo numero di neri sarebbero stati inclusi nelle squadre nazionali, creando anche opportunitá e promuovendo la ricerca e formazione di talenti in comunitá precedentemente svantaggiate.

Un altra sfida fu l’uso dei simboli sportivi. Durante l’apartheid varie squadre usavano differenti simboli. I simboli che noi usavamo come lo springbok ed altri vennero rifiutati

dalla comunità nera in quanto erano associati al regime dell’apartheid. Perfino i colori nazionali delle varie squadre erano differenti. Tuttavia, si convenne che la nazionale di rugby avrebbe usato lo springbok assieme al fiore della protea, nel quadro di un continuo sforzo di riconciliazione e di costruzione della nazione. Anche oggi, la nazionale di rugby usa sia lo springbok che la protea, tutte le altre discipline sportive usamo la protea come simbolo unificante. La protea è il nostro fiore nazionale.

Signore e Signori, noi in Sudafrica possiamo senza riserve testimoniare del potere dello sport come fattore unificante di una nazione divisa su base razziale. Siamo molto orgogliosi che questa manifestazione mondiale si terrà in Sudafrica. Il solo fatto che la Coppa del Mondo 2010 della FIFA abbia luogo in Africa, è già di suo una vittoria contro il bigottismo e il razzismo e tutti gli altri ismi che affliggono la comunitá internazionale e l’umanitá.

Signore e Signori, la nostra Costituzione parla molto chiaro circa il fatto che la nostra democrazia e su base non-razziale e non-sessista. Per quanto il razzismo possa verificarsi a diversi livelli, in modo molto dissimulato, è difficile dimostrare la sua esistenza in quanto la nostra mente è stata contaminata dalla malattia del razzismo sotto molti aspetti.

Il mio Ministero delle Arti e Cultura ospiterá una conferenza sulla coesione sociale ai primi del 2010. La conferenza guarderá alle modalitá di utilizzo delle arti, della cultura e del patrimonio da noi condiviso come Sudafricani, per promuovere la costruzione della nazione. La conferenza guarderá al modo in cui si può usare il calcio, la Coppa del Mondo della FIFA in particolare e lo sport in generale, per sradicare il razzismo ai fini di una durevole ricaduta in termini di armonia razziale e tolleranza.

Lo sport è anche un ambito in cui i vantaggi di casa basati su razza, appartenenza etnica e pregiudizi sono ininfluenti, come ha dimostrato l’Italia vincendo i Mondiali del 2006 in Germania. Lo stesso Brasile, ad esempio, ha vinto tutti i suoi cinque titoli mondiali fuori casa.

Il Presidente della FIFA Sepp Blatter ha affermato che la sua organizzazione non tollererà alcun tipo di discriminazione razziale nel calcio, in particolar modo durante i Mondiali di Calcio del 2010. Rigide misure verranno applicate nei confronti delle squadre nel caso si verifichino episodi di razzismo.

La FIFPRO, la federazione internazionale dei giocatori di calcio, sta promuovendo in tutto il mondo in questi giorni la campagna “Mostra il Cartellino Rosso al Razzismo” con lo scopo di eliminare il razzismo dal gioco del calcio e dalla società in generale.

Con la giustizia e il fair play esercitati nel corso dei processi di selezione, allenamento e infine di gioco, gli sport di squadra possono conseguire grandi risultati. Lo sport di squadra è uno strumento fantastico per combattere il razzismo, sia per quanto riguarda i giocatori che il pubblico. Durante le lunghe sessioni di allenamento e di gioco si instaura un processo di affiatamento che lega le persone e permette ai membri della squadra di conoscersi meglio.

Gli sport di squadra e lo sport in generale possono divenire un veicolo di
trasformazione e combattere il razzismo se praticati con correttezza, poiché la maggior parte delle persone, anche se non tutte, amano lo sport.

Permettetemi di congratularmi con l’Italia per essersi qualificata e poter quindi difendere il titolo in Sudafrica. Un italiano saggio ha decretato molto tempo fa che è una buona difesa a fare una buona squadra, come dimostrato dal difensore italiano e attuale capitano della squadra Fabio Cannavaro, vincitore del premio quale miglior giocatore agli ultimi campionati del mondo del 2006 in Germania. E’ per questo motivo che vi chiediamo di aiutarci a potenziare la difesa della nostra nazionale, i Bafana Bafana.

In nome e per conto del Presidente del Sudafrica Jacob Zuma e del popolo sudafricano, vi invito tutti in Sudafrica per la Coppa del Mondo di Calcio del 2010. Ke Nako, è arrivato il momento. Diamo inizio ai festeggiamenti.

Grazie.